Ingranaggi che s’inceppano

Quelle mattine iniziate male: ti svegli da sola mentre la tua casa di naufraghi alla deriva dorme ancora e la cosa ti da quel misto di sollievo e senso di colpa; invece riescono a captare il passo leggero dei tuoi piedi scalzi e ancor prima che le tue labbra raggiungano l’amaro del caffè, realizzi che è cominciata l’ennesima giornata della tua vita diurna di soldato inflessibile.
Ed organizzi, telefoni, impartisci e prendi ordini, mentre ti vesti davanti allo specchio ripassi l’agenda mentale dell’affanno, chiudendo un cassetto dello scrittoio ti accorgi di quella lettera  che hai volutamente ignorato -ché sei stanca di lasciarti trafugare il corpo, ma non puoi, semplicemente non puoi- 
Esci col sole per sederti in un’aula stracolma, il quaderno bianco davanti, la penna d’argento accanto -è tutto in ordine, lo vedi? è tutto come vuoi te!- e  nell’attesa del quarto d’ora accademico, s’inceppa il meccanismo dei fottuti prati inglesi della tua mente: lo shuffle ti tradisce e parte quella che sarebbe la verità che diresti a te stessa, una macchia di sangue s’allarga sul foglio candido e sai che non servirà strapparlo.
Solo una cosa so di sicuro: vorrei raschiare la mia faccia contro il muro.
Solo una cosa so di sicuro: lasciare andare tutto il mio dolore contro questo muro. 


Questo inserimento è stato pubblicato in frammenti caleidoscopici, strani giorni. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

2 Commenti

  1. ossessionefreud
    Pubblicato il 3 maggio 2011 alle 04:02 | Permalink

    che impietosa coraggiosa radiografia, scarnificante,
    che affonda nell'anima, alla ricerca di una luce, consapevole che c'è, e che tocca a te intravederla in fondo al tunnel

  2. Mariposa
    Pubblicato il 3 maggio 2011 alle 12:29 | Permalink

    "impietosa" mai aggettivo fu più azzeccato per esprimere la poca autoindulgenza, ché la verità, alla fine, impietosa lo è quasi sempre.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>