occultamenti di cadaveri

Niente, è che una nostalgia mi ha fatto un buco nel petto e allora ho deciso di indossare una maglietta nuova, per arginare i danni: un po' come quando nascondo le scarpe sotto il letto e mi riprometto di occuparmene o nascondo le cicatrici con un esercito di braccialetti tintinnanti.
Il punto è: non è questo il tempo delle tristezze.

Questo inserimento è stato pubblicato in frammenti caleidoscopici, strani giorni. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

4 Commenti

  1. Pubblicato il 3 agosto 2010 alle 11:55 | Permalink

    Dio, non credevo si trattasse di una tale voragine…….ci vogliono più di 4 martini per suturare questo!

  2. Pubblicato il 3 agosto 2010 alle 13:25 | Permalink

    beh sì, poi magari ci aggiungi due aperitivi, tre feste ed un falò e per un po' magari sei a posto

  3. Pubblicato il 3 agosto 2010 alle 18:28 | Permalink

    Ahhh, ecco, il falò è come la cura di Bella per i linfomi non hogkins, non ha effetti collaterali e funziona davvero!!

  4. Pubblicato il 5 agosto 2010 alle 03:37 | Permalink

    c'è spazio per passarvi entro; spazio per passare oltre…

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>