Partenze senza saudade

Sono circondata da appunti e cartine e sommersa da T-shirt improbabili, un armamentario di roba manco stessi andando ad esplorare la Patagonia.
Invece ho un aereo per il Portogallo domani: dopo tre giorni a Lisbona, ci aspetta un viaggio on the road con lo zaino in spalla(shiccosissimo tralatro), Pollock a fare le sue foto ed io a catturare immagini imprigionandole nelle parole.

Nascosti in un angolino -tra i bermuda e le sneackers- ho incastrato due vestiti tipicamente da me per non dimenticarmi chi sono, che è probabilmente un vezzo ed un gesto inutile, visto che non riesco a scordarmelo nemmeno per cinque minuti, nè per la pace, nè per la gloria, neanche per amore.
On air: Josè Saramago, Viaggio in Portogallo
                   Otis Redding, Sitting on the dock of the bay


 
Ci si vede cugini, non mi incasinate il blob
(male che va mettetece ‘na pezza!)

Questo inserimento è stato pubblicato in anime di carta, frammenti caleidoscopici, io e pollock, nella valigia di mademoiselle. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

2 Commenti

  1. Pubblicato il 25 agosto 2009 alle 01:15 | Permalink

    buon viaggio darling.

    respira un po d’aria di vacanza anche per la sis.

    e torna vincitrice, che come frase fatta ci stà sempre :)

  2. Pubblicato il 28 agosto 2009 alle 10:53 | Permalink

    buon viaggissimo!!!

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>