Che potresti raccontarla tu la mia storia

L’interlinea mi fissa come i tuoi occhi poco fa e dire che sembrava una delle serate di sempre -da quando siamo diventate grandi- (a proposito quando è successo? Ché te dici stanotte, forse è vero o forse lo siamo sempre state) anche se nell’aria fumosa del locale aleggiava una sensazione sospesa, una roba strana che niente che abbiamo ingurgitato in tutti questi anni è riuscito a farci sentire: i miei  assist, la  corte a farci la ruota, l’alcool e le tre di mattina sotto casa mia.
Poi l’autentico: la parte più buona che abbiamo riservato a noi sole, frasi suggellate dalla sacralità di un patto antico, frasi sconnesse ma subitaneamente comprese ché non c’è bisogno di finirle, lacrime private che ci siamo concesse poche volte e il mio scorretto cinismo che ha sortito l’effetto contrario, perché ci mancherà.
E mi mancherai Amica e mentre percorrevo il vialetto guardando l’oleandro, mi sono sfilati davanti tutti i  fotogrammi di questa esistenza: ero abbastanza vicina per poterti tirare un bacio a metà scalinata, ma troppo distante per poterti dire che è stato un film d’autore e che continueremo ad esserne le protagoniste.
Grazie per la vita, tutta quanta.
Questo inserimento è stato pubblicato in alla corte di mademoiselle, amarcord, frammenti caleidoscopici, inzonnia moment, nuovi inizi, strani giorni. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

3 Commenti

  1. Anonymous
    Pubblicato il 12 ottobre 2011 alle 12:13 | Permalink

    con il volto scavato dalla tristezza, brindo con te, come abbiamo sempre fatto e come faremo ancora, ad un nuovo inizio, ad una nuova quotidianità, ad un nuovo percorso, che seppur lontane nello spazio, disegneremo insieme, con le nostre vite parallele. Ed in puro stile egocentrique, distruggeremo le più antiche regole della geometria, plasmando a nostro piacere, parallele che sfavillanti, s'incontreranno, per ridere e soffrire di nuovo insieme. Al di là di tutto, sempre, "due come noi".
    -Amica-

  2. Mariposa
    Pubblicato il 12 ottobre 2011 alle 13:17 | Permalink

    "Due come noi" soltanto noi.
    Per sempre Amica mia.

  3. Anonymous
    Pubblicato il 14 ottobre 2011 alle 07:58 | Permalink

    certe emozioni, alla mia età , possono essere fatali! :-)

    AUGURI MADEMOISELLE !!

    Giorgio

Rispondi a Mariposa Elimina la risposta

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>