Archivio mensile: maggio 2011

Stella was a diver.

Mi sento sola come una galleria: un libro mai letto che aveva una storia incantevole che non conoscerete mai; quel vestito stropicciato accoccolato nell’angolo quando mi spoglio di domenica mattina grata di non ricordare nemmeno il mio nome; una cartolina sigillata piena d’ingenuità e d’affetto che non ti ho mai spedito, ché ero così limpida, così […]

Pubblicato in frammenti caleidoscopici, inzonnia moment, macerie, strani giorni, un'altra vita | Scrivi un commento

Le mie parole nelle parole altrui.

E’ difficile dire con parole di figlio ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio. Tu sei la sola al mondo che sa, del mio cuore, ciò che è stato sempre, prima d’ogni altro amore. Per questo devo dirti ciò ch’è orrendo conoscere: è dentro la tua grazia che nasce la mia angoscia. Sei insostituibile. […]

Pubblicato in frammenti caleidoscopici, macerie, nuovi inizi, strani giorni | Scrivi un commento

Immaginarmi migliore di te

Ci sei te che dormi sul divano, un divano che odiamo -una deriva quasi  “moderna” e invece ci manca la pelle, il cuoio solido e freddo così rassicurante- e ti scruto sull’uscio. Ti guardo dormire, stanco dal lavoro e da questa vita che pare ti lasci indifferente: sembri una statua greca, un dio mitologico dai […]

Pubblicato in alla corte di mademoiselle, frammenti caleidoscopici, macerie, strani giorni | 4 Repliche