Il sorriso in carta KodaK

Non ti pensavo da tanto tempo: stavo ammassando le macerie, arginavo danni, cancellavo ricordi seriali che ho selezionato per il mio tritadocumenti e mi lasciavo fottere il cervello, giusto per schiantarmi ancora un po’, sempre meglio che non provare un cazzo, giusto?
Non ti pensavo da tanto tempo -qualche giorno, un tempo d’infinita separazione per me- esattamente come mi avevano detto: “Ad un certo punto, ti succederà che non ci penserai, non lo farai di proposito, ogni giorno un minuto in meno fino al resto della tua di vita” e io bestemmiavo, mi ribellavo anche solo al concepimento di un’idea così paradossale e assurda.
Non ti pensavo da tanto tempo: ero occupata a diventare grande, ché non avrò mai più vent’ anni anche se te l’avevo giurato, anche se ti avevo promesso che avrei vissuto anche la tua vita. 
Mi rimangio tutto:  non è quello che avresti meritato, né quello che avresti voluto per me “sei una farfalla” ma ho cambiato colori un centinaio di volte e non erano quelli che vedevamo al sole di quei selciati di parole che non ti ho detto.
E, mentre mi distruggevo sul tapis roulant, pensando “senza mangiare, senza dormire, mi si spappolerà lo stomaco e mi si alienerà l’anima dalla solitudine”  mi sei venuto in mente: ho reimpostato il programma, ho raddoppiato  pendenza e  velocità e ho alzato il volume della musica. 
Ti ho pensato proprio  in quell’istante senza senso, eppure il tuo sorriso in carta Kodak è sul mio comodino da anni ed è tutto quel  che ho di te.
Questo inserimento è stato pubblicato in amarcord, autolesionismi, inzonnia moment, macerie, paturnie, strani giorni. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

2 Commenti

  1. Anonymous
    Pubblicato il 12 aprile 2011 alle 09:58 | Permalink

    Forse è giunto il momento di tirare fuori tutte le vecchie moleskine e darle alle stampe…….. perchè scrivi dannatamente bene!

    Giorgio

  2. Mariposa
    Pubblicato il 12 aprile 2011 alle 22:55 | Permalink

    l'indulgenza di chi ti vuole bene…
    mai usato moleskine, solo diari fatti a mano per me e roger la borde: li ho riaperti un paio di volte e forse era meglio che non

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>