And you leave me dancing alone

Riassumendo: 
la musica era alienante talmente bella, il vodka tonic era annacquato, i cinque o sei negroni di questo week end sono stati la mia croce e delizia. 
Per un istante ho pensato che una botta di consapevolezza  mi stesse scoppiando il cuore peggio di un colpo di pistola, poi ho dato un sorso e mi si è smagnetizzata  dal cervello.
Ho dimenticato il telefono a casa: l’ho ritrovato questa mattina tra i cuscini, insieme ad un reggiseno che non ricordo di aver tolto o indossato.
Questo inserimento è stato pubblicato in e non c'è niente da capire, frammenti caleidoscopici, strani giorni. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

4 Commenti

  1. Anonymous
    Pubblicato il 28 marzo 2011 alle 18:43 | Permalink

    Non è che sei uscita col Mago Casanova?
    Quello è bravo col gioco del reggiseno!
    ^___^
    Giorgio

  2. Mariposa
    Pubblicato il 28 marzo 2011 alle 23:09 | Permalink

    eh ma quello fa tutto in un battibaleno, a 'sto punto non vale nemmeno la pena farmi stropicciare le lenzuola eh

  3. Anonymous
    Pubblicato il 29 marzo 2011 alle 09:21 | Permalink

    mannaggia mi sono perso il post scritto di getto!!
    Giorgio

  4. Mariposa
    Pubblicato il 7 aprile 2011 alle 02:55 | Permalink

    no, era uguale a quello che ho scritto, solo che c'era un refuso e gli errori m'incastrano il cervello.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>