Un quarto di secolo

Ho venticinque anni questa mattina.
La scorsa notte l’ho trascorsa nel solito posto speciale -la panchina sul lago-  a scartare un regalo fantastico mentre Pollock scattava millemila foto alle mie facce buffe, dopo aver letto il biglietto d’auguri stortignaccolo di una cinquenne.
Ed in quel momento non mi sono sentita semplicemente felice, allegra o soddisfatta, ma amata. Amata da un uomo meraviglioso che accetta ogni mia piccola nota infantile e la trasmuta in una preziosa peculiarità, da una bambina di cinque anni che disegna farfalle per me e dai miei genitori che mi regalano viaggi con lo stesso entusiasmo con cui mi compravano le bambole.
E non ho pensato, nemmeno per un istante, a quello che non ho, alla mia fottuta procrastinabilità, al dolore che ho provato e alle cose che ho perso: ho il mio quarto di secolo e fa davvero la sua porca figura!

Questo inserimento è stato pubblicato in alla corte di mademoiselle, frammenti caleidoscopici, io e pollock. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

8 Commenti

  1. Pubblicato il 20 agosto 2009 alle 13:56 | Permalink

    cavoli!! complimentoni! ed auguri ovviamente :)

  2. Pubblicato il 21 agosto 2009 alle 00:14 | Permalink

    tesoro! un’infinità di queste porche figure, che te le meriti tutte e che le sai fare con gran classe.

    chi si rende conto della fortuna di essere amati e non lo dà per scontato quella felicità se l’è tutta meritata!

    baci a profusione

  3. Pubblicato il 21 agosto 2009 alle 00:56 | Permalink

    ..che quando parli di voi due mi innamoro del mondo e penso davvero che c’è un pollok per tutte.

    ..e buon quarto di secolo Madle, te l’avevo gia scritto ma te lo ripeto volentieri.

    Molti baci.

    Molti.

  4. Pubblicato il 22 agosto 2009 alle 11:35 | Permalink

    @akashakasha: grazie mille

    @laila: ci si arriva sempre dopo tragedie inenarrabili, fino ad allora pensi di non avere nulla o al limite

    -nei momenti di autolesionismo ciclico- di non meritarlo.

    Invece no, me lo merito, tutto quanto.

    @lasis: hai detto una cosa meravigliosa, darling e sai sono convinta anch’io che ci sia un pollock per tutte noi (solo che prima devi scoparti altri 5-6-7-faitu decerebrati, cialtroni egoisti, è la prassi)

    Grazie -e sai che ho apprezzato tantissimo-

  5. Pubblicato il 24 agosto 2009 alle 11:22 | Permalink

    Farfallina, sei ottimista anzichenò, ricorda che il 22 a Venezia è uscito dopo altre 160 estrazioni!!!

    ^__^

    Fai prima ad andartene in menopausa!!!

    ghghhghgghhh!

    Auguroni suini.

  6. Pubblicato il 24 agosto 2009 alle 14:39 | Permalink

    @mrG: darling sto commento mica l’ho capito..non ho mai giocato al lotto/superenalotto/totipm et similia in vita mia

    (mo era un’allusione dai risvolti comicissimi e io non l’ho capita)

  7. Pubblicato il 25 agosto 2009 alle 12:01 | Permalink

    niente di comicissimo, solo per dire che la fortuna che hai avuto Tu a trovare una perla come il buon Pollock, non sempre è replicabile con tanta facilità, da li il mio riferimento al lotto, dove parecchie persone si sono rovinate dando la caccia ai numeri “sicuri”.

    Vabbè la spiegazione è ancora peggio della battuta!

  8. Pubblicato il 28 agosto 2009 alle 10:55 | Permalink

    mille e mille auguri

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>