Pasqua con suicidio


Se il tuo fidanzato passa le vacanze di Pasqua in Florida e ti lascia in compagnia di Virginia Woolf e Sylvia Plath, qualcuno potrebbe leggervi un sottotesto che inneggia implicitamente al suicidio.
Ma in realtà cercavo da tempo immemore questo film e questo libro e Pollock me li ha regalati inaspettatamente, in modo che mentre lui si arrostisce sulle spiagge di Miami io non mi senta sola; considerando che come ovvio i miei daranno sicuramente un pranzo per qualche strampalato amico che a tavola non capirà mai le mie battute sarcastiche, direi che trascorrere la santa pasqua con due nevrotiche suicide è il meglio che possa avere.
Che poi, non avete idea di quanto abbia apprezzato il gesto: a scanso delle apparenze che mi fanno allegra e festaiola, io adoro la gente depressa e lugubre, le scrittrici disturbate e tormentate e i cani con le orecchie lunghe. 

Dormi tranquillo eh: non ho intenzione di ficcare la testa nel forno il giorno di Pasqua..era solo la mia ironia da due neuri

Questo inserimento è stato pubblicato in anime di carta, frammenti caleidoscopici, io e pollock, paturnie, storia vera eh. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

9 Commenti

  1. Pubblicato il 10 aprile 2009 alle 13:56 | Permalink

    ma strafogati d’abbacchio e sticazzi!!

  2. Pubblicato il 12 aprile 2009 alle 11:30 | Permalink

    Ma ‘sticazzi!!!!

    A prescindere dalla dieta!!

  3. Pubblicato il 13 aprile 2009 alle 13:55 | Permalink

    Pasqua di passione, la mia.

  4. Pubblicato il 14 aprile 2009 alle 15:13 | Permalink

    uff.

    anche io sono parecchio disturbata ma purtroppo non sono Virginia Wolf

  5. Pubblicato il 14 aprile 2009 alle 16:53 | Permalink

    @puffo&MrG: infatti proprio sticazzi, tanto che ho mangiato: cannelloni il giorno di pasqua, hot dog e marshmallows a pasquetta.

    Stamane sono andata in piscina con un senso di colpa e di morte dentro. Ecco.

    @stellavale: a me ha detto meglio di poco: ho trovato una scorciatoia per il Golgota, ma sempre là so arrivata

    @noirvaresco: e ci credo..Virginia Woolf aveva due O nel cognome, quella che dici te sarà stata un’altra ma meno matta :)

  6. Pubblicato il 14 aprile 2009 alle 22:16 | Permalink

    ..se decidi di autocucinarti nel forno dimmelo che per mangiarti mi sacrifico io, gli esperimenti culinari mi han sempre incuriosita :)

    (stasera l’architetto telefonò, dice che ieri gli han scassinato la amcchina e fregato il cellulare [uha uha uha] e domani ci sentiamo e forse ci vediamo, quest’uomo è matto..prima mi dice che ha l’ansia poi mi cerca poi bho…AAHHHHHHH)

  7. Pubblicato il 15 aprile 2009 alle 09:48 | Permalink

    Beato Pollock che ha passato la Pasqua ad arrostrsi al sole di Miami!!!

    Che invidia *__*

  8. Pubblicato il 15 aprile 2009 alle 18:30 | Permalink

    io sono disturbato tormentato e scrivo da cani

    e la mia ironia vale quattro denari

    [tempo impiegato per scrivere questo “commento“=8']

  9. Pubblicato il 15 aprile 2009 alle 20:16 | Permalink

    @lasis: non è matto, non sopravvalutarlo ricordati che è un uomo :)

    ( sono contenta che abbia chiamato, cara, già m’immaginavo un’uscita in quattro ahaha! )

    @bai: lasciam perdere, hai idea di cosa significherà farsi vedere in giro con lui ambrato e io verde acido

    ( d’invidia ) ?

    @zap: Ma io so io e te non sei un cazzo ! ( cit. )

    Tempo imoiegato: meno di te ah!

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>