Amarcord

Erano i luoghi della mia infanzia: ho collezionato una miriade di ricordi e persone in quella piazza squassata e in quei paesini affastagliati che si scorgevano dal finestrino.
A L’Aquila ci si andavano a comprare le cose per la scuola prima di settembre e ci si portavano all’ospedale amici e parenti imbranati sugli sci in dicembre; in una libreria de L’Aquila, mio padre mi regalò il mio primo libro con un incoraggiante " Ho fiducia in te " e, qualche anno più tardi, non ne ebbe per mandarci tutti lì a ballare – e forse fece bene – ; ritrovando un tema delle elementari " Racconta la tua domenica" trovo scritto
" Domenica sono stata a L’Aquila, il mio papà dice che è la città più fredda d’Italia".
E questo mi ha fatto piangere più di quanto piansi il giorno in cui mio fratello tentò
" accidentalmente " di affogarmi nel laghetto di San Demetrio, più dell’opera che vidi per la prima volta al castello di Celano.
Ma la cosa che più mi commuove, più delle immagini drammatiche è, inspiegabilmente, sentire quel dialetto tanto familiare spezzato dalle lacrime.
Questo inserimento è stato pubblicato in frammenti caleidoscopici, strani giorni. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

4 Commenti

  1. Pubblicato il 7 aprile 2009 alle 10:13 | Permalink

    Ciao Amica M.

    sono angosciato da due girorni perchè non ricevo più notizie da due amiche che frequentano l’Università, aspetto con ansia una telefonata che non arriva mai…..speriamo bene.

  2. Pubblicato il 7 aprile 2009 alle 20:49 | Permalink

    veramente terribile! terribile!

  3. Pubblicato il 8 aprile 2009 alle 01:39 | Permalink

    ho il rimpianto di non aver trovato il tempo per entrare nella cattedrale rimandandola alla prossima visita…

  4. Pubblicato il 8 aprile 2009 alle 13:26 | Permalink

    @amicoG: ti capisco, anche noi stiamo facendo il giro di telefonate da allora e scoprire che il mio paesino è in piedi e da una mano mi riempie di gioia

    @lady: per una volta, ho perso le parole

    @laila: lo so tesoro…se penso a tutte le volte che imprecavo e dicevo ” che palle sto posto, quanto mi rompo il cazzo ” mi penderei a martellate

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>